Il dolore cronico è uno stato persistente dello stimolo doloroso che comprende i comuni mal di schiena, le emicranie e il colon irritabile. Gli effetti variano dalla minore produttività, fino all’ irritabilità e al calo dell’umore; in ogni caso possono essere anche legati a eventi stressanti ai quali reagiamo con un malessere fisico (come per il colon irritabile) o ad un corto circuito in cui la mente si concentra sul dolore (già di per sè presente), anplificandolo. Sebbene ogni caso meriti un trattamento specifico e integrato (come nei centri di terapia del dolore), alcuni strumenti possono rivelarsi utili: oltre ad alimenti come la curcuma, a trattamenti fisioterapici personalizzati e farmaci, esercizi di training autogeno e di mindfulness possono fare la loro parte. La mindfulness, ad esempio, consente una maggiore consapevolezza del proprio corpo e dei propri pensieri associati al dolore, aiutando la mente a non concentrare i propri pensieri unicamente sul dolore e a non identificarsi col dolore stesso, riducendo così la percezione del dolore stesso.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *